Sabato 6 e domenica 7 febbraio, a Milano, si voterà per eleggere il candidato sindaco di centrosinistra.

Possono votare tutti i milanesi dai 16 anni in su residenti nel Comune di Milano, inclusi i cittadini dell’Unione Europea o di altri Paesi (in possesso di carta d’identità e di regolare permesso di soggiorno).

Sabato 6 febbraio si vota dalle 8 alle 18 in 9 seggi (uno per ognuna delle zone della città, con accesso riservato ai residenti), mentre domenica 7 saranno aperti circa 150 seggi e si voterà dalle ore 8 alle 20. Per trovare il proprio seggio di riferimento si può consultare il sito www.primariemilano.it oppure telefonare al numero fisso 02-84232959 o mobile 346-0715475.

Per votare è necessario portare la carta d’identità o patente (non serve la scheda elettorale), sottoscrivere l’adesione alla “carta dei valori del centrosinistra“, versare un contributo minimo di 2 euro per coprire i costi organizzativi.

Per esprimere il proprio voto, bisognerà semplicemente barrare sulla scheda il nome della candidata o del candidato preferito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Primarie Milano 2016, sondaggi: per la prima volta Majorino è secondo: “Ma la Rai non lo ha reso pubblico”

next
Articolo Successivo

Il verdiniano D’Anna condivide e commenta su Facebook: “Italiani opportunisti”. Ma l’articolo è di Lercio

next