E’ rimasto intrappolato tra le fiamme che hanno avvolto lo chalet nella località sciistica di Villars, nel Canton Vaud, in Svizzera. In un primo momento la polizia cantonale di Ginevra non ha voluto fornire le generalità. E’ stata la stessa Msc Crociere a confermare l’identità della vittima: Lorenzo Onorato, 21 anni nato a Genova ma residente a Ginevra dove studiava, figlio di Gianni, amministratore delegato della società.

“Una terribile tragedia ha colpito ieri la famiglia del nostro Amministratore Delegato Gianni Onorato. Il rispetto e la tutela della privacy dei suoi cari è il primo segno di vicinanza che vogliamo offrirgli in un momento di così grande dolore e sofferenza. Tutta Msc Crociere, a partire dall’intera famiglia Aponte si stringe intorno a lui e la sua famiglia con affetto, preghiere e pensieri”. Recita la nota firmata da Pierfrancesco Vago, presidente esecutivo Msc Cruises.

Il rogo è scoppiato giovedì 4 febbraio, intorno alle 5 di mattina nella palazzina di quattro piani, composta da una ventina di appartamenti, non tutti occupati, nel quartiere di Rochesgrises. Un altro ventenne che si trovava nello stesso appartamento di Onorato si è salvato lanciandosi dalla finestra del terzo piano. I vicini avevano piazzato dei materassi a terra per attutire la caduta. Il ragazzo è stato trasportato all’ospedale di Chablais in stato di forte choc. In totale quindici persone sono state evacuate. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, personale sanitario, varie pattuglie di polizia, della gendarmeria e due ambulanze. Il procuratore di turno è stato informato e sono in corso le indagini da parte degli specialisti della polizia cantonale per chiarire le cause del rogo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aldo Moro, “nell’autopsia la firma del killer”. La rivelazione di don Fabbri

prev
Articolo Successivo

Raphael Schumacher, morto attore strangolato durante finta impiccagione a Pisa: 4 indagati per omicidio colposo

next