E’ stata aggredita mentre faceva jogging. Il killer l’ha colpita alla testa con un piede di porco. All’improvviso. Quando è caduta non respirava già più. E’ morta così Anna Giordanelli, medico di base di 53 anni, uccisa nella serata di mercoledì 27 gennaio in una strada alla periferia di Cetraro, paese dell’Alto Tirreno Cosentino. Un omicidio inizialmente inspiegabile. Risolto in meno di 24 ore.

La svolta è arrivata nel tardo pomeriggio di giovedì 28 gennaio, quando gli inquirenti hanno fermato il cognato, Paolo Di Profio, che dopo un lungo interrogatorio in caserma ha confessato. Il fermo è stato disposto dalla Procura della Repubblica di Paola. Ora Di Profio dovrà chiarire il movente. Che al momento risulta oscuro visto che nella vita di questo medico di base non risultavano ombre. La Giordanelli era sposata con un dipendente comunale, madre di tre figli, stimata e benvoluta da tutti.

Già in mattinata il procuratore di Paola Bruno Giordano aveva annunciato che “il cerchio si stava per chiudere”. I carabinieri non lontano dal luogo del delitto hanno trovato l’arma, un piede di porco insanguinato con capelli della vittima. Esclusa la rapina e il tentativo di violenza sessuale, si sono subito concentrati sull’ambiente familiare. Dalle indagini è emerso che la Giordanelli non ha lottato con il proprio assassino. E’ stata colpita all’improvviso, come se non se lo aspettasse. Come se conoscesse chi la stava uccidendo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carrara, carabiniere ucciso davanti a casa. L’assassino: “Aveva arrestato i miei figli, mi sono vendicato”

prev
Articolo Successivo

Piacenza, 16enne nuda su argine del Po: “Mi hanno sequestrata”. Poi confessa: “Non è vero, volevo attirare l’attenzione”

next