La Renault è il primo produttore di veicoli commerciali in Europa. Nel 2015 ha venduto 269.300 mezzi fra furgoncini, furgoni e camion, il 17% in più rispetto al 2014. Il mercato europeo dei mezzi commerciali ha sfiorato gli 1,8 milioni di immatricolazioni nel 2015 (+11% sul 2014). La Renault vende solo furgoni progettati e prodotti in proprio, e fornisce alcuni dei suoi mezzi ad altri marchi, fra cui Mercedes (il Citan), Opel (il Vivaro) e Fiat (il prossimo Scudo). In Italia, la Renault è invece il primo importatore, perché la parte del leone la fa “la squadra di casa” Fiat Professional.

Circa il 14% dei veicoli commerciali viene venduto in versione “allestita”, ossia con cassoni, celle frigo o scaffalature interne fornite direttamente dal costruttore. La Renault si affida a una rete di 41 allestitori partner italiani per fornire a commercianti, artigiani e aziende i veicoli specifici per le loro professioni, garantiti direttamente dalla Casa francese. Per fare conoscere i prodotti al pubblico, la Renault organizza per il secondo anno il Booster Tour, un giro d’Italia in 150 tappe, ossia in tutte le concessionarie, per incontrare i rappresentanti di quell’85% di aziende a conduzione familiare. Fra i 41 veicoli allestiti che la Renault porterà in tour ci sono mezzi frigoriferi, telonati, con cassoni ribaltabili, con postazioni di ufficio mobile, per il trasporto dei disabili, camperizzati e attrezzati al trasporto dei cavalli. La Renault ha in gamma anche due veicoli commerciali elettrici, il Kangoo Z.E. e la piccolissima Twizy Cargo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, ordinanza anti smog blocca Euro 0 e 1. Vespisti infuriati, il sindaco rinvia

next
Articolo Successivo

Il 2015 anno record negli Stati Uniti, non solo per vendite ma anche per richiami

next