La Clubman, nella nuova generazione messa in vendita lo scorso autunno, non è più solo la versione “allungata” della Mini. Grazie alla nuova piattaforma Ukl – la stessa su cui sono costruite la 3 e la 5 porte, la BMW X1 e la monovolume Serie 2 – la Clubman è diventata grande, persino più della Suv Countryman, e versatile. Un’auto da famiglia – hanno spiegato gli uomini Mini in occasione della prova stampa che ha le dimensioni esterne di una Golf. Ora, l’eccentrica compatta tedesca eredita dalle cugine BMW anche la trazione integrale a controllo elettronico, che sulla Mini si chiama ALL4. Le quattro ruote motrici, finora, erano prerogativa delle crossover Countryman e Paceman; ora invece si possono avere anche sulla Clubman Cooper S a benzina da 192 CV e sulla Clubman Cooper SD a gasolio da 190 CV.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hyundai Ioniq, l’anti Prius coreana: ibrida e col cambio che piace agli europei – FOTO

prev
Articolo Successivo

Idrogeno, sfida giapponese: dopo Toyota, ci prova Honda con la Clarity Fuel Cell

next