Oltre i numeri ancora oscuri del bilancio di Expo, ora Giuseppe Sala dovrà chiarire un’altra vicenda. Ovvero chi ha lavorato al progetto della sua villa a Zoagli, sul golfo del Tigullio. Secondo quanto riporta il Giornale, infatti, hanno contribuito alla realizzazione della dimora al mare due professionisti che hanno lavorato anche per l’esposizione universale: Michele De Lucchi, firma dell’osannato padiglione Zero e Matteo Gatto, direttore Visitor experience ed exhibition design di Expo. Lo staff dell’amministratore delegato di Expo e aspirante sindaco di Milano, contattato da ilfattoquotidiano.it, fa sapere che è in preparazione un comunicato in cui verranno date spiegazioni e che alle 15 ci sarà una conferenza stampa. Intanto De Lucchi precisa di non avere firmato il progetto architettonico, ma di avere eseguito un intervento “limitato al completamento di alcuni aspetti degli interni e delle finiture esterne della casa. Si tratta di un incarico professionale svolto tra il 2012 e il 2013 per il quale il mio studio ha percepito un compenso complessivo pari a 70mila euro Iva esclusa”.

Secondo il quotidiano della famiglia Berlusconi, Sala acquista un terreno edificabile nel periodo in cui sta per essere nominato alla guida di Expo su indicazione di Letizia Moratti. L’ex commissario unico acquisisce anche il progetto già presentato in comune, ma lo fa rifare. Le pratiche vengono firmate da un tecnico che non ha legami con Expo, ma “secondo quanto risulta al Giornale – si legge – a stendere materialmente la bozza originaria del progetto è un professionista che sul sito dell’esposizione lavora in quegli stessi mesi fianco a fianco con Sala: Matteo Gatto, l’architetto che ha disegnato il master plan di Expo”. Il quotidiano fa inoltre notare che da un curriculum che si trova in Rete, tra i lavori di De Lucchi risulta una “villa a Zoagli, Genova, 2012-2014”, realizzata per un “committente privato”. Nel medesimo periodo – scrive il quotidiano – De Lucchi “ottiene da Expo senza gara d’appalto tre incarichi” per un totale di oltre 98mila euro, tra cui i 39mila per il supporto alla redazione del concept del padiglione Zero. In realtà secondo l’elenco degli affidamenti disponibile sul sito di Expo, gli incarichi a De Lucchi sono in tutto quattro, per un totale di 168mila euro. Nessuno di questi è stato comunque firmato da Sala.

In attesa di avere chiarimenti da Sala, una nuova polemica politica è pronta a scoppiare, dopo la riunione elettorale che il candidato alle primarie del centrosinistra ha tenuto negli uffici di Expo nei giorni scorsi e dopo la notizia sull’indagine a suo carico per l’appalto affidato a Eataly e successiva archiviazione. Di “molti aspetti assolutamente da chiarire sul ruolo dei due professionisti” parla l’esponente di Fdi ed ex vice sindaco di Milano Riccardo De Corato. “Presenterò un’interrogazione a Palazzo Marino e al Pirellone, chiedendo la massima trasparenza su questa vicenda che riguarda colui che ha retto le sorti dell’esposizione universale. Se le risposte non saranno più che soddisfacenti, mi rivolgerò alla magistratura”.

@gigi_gno

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S: ‘Pronto, chi parla? Sono il presidente Berlusconi’

next
Articolo Successivo

Riforme, la minoranza Pd: “Votiamo sì al Senato, ma non scontato al referendum”

next