La quota del debito pubblico italiano in mano a investitori stranieri è salita a novembre 2015 al 39% del totale. Una percentuale inferiore di 12 punti percentuali rispetto al livello raggiunto prima della crisi, ma più alta di quattro punti se il confronto è con il picco negativo toccato nella prima metà del 2012. In progressivo calo, invece, la fetta dei 2.211 miliardi di debito nel portafoglio delle famiglie italiane: è pari al 5,9% contro l’8,6% del quarto trimestre 2014. Stabile rispetto al 2014 ma in calo rispetto ai valore del 2013, durante la crisi dei debiti sovrani, la percentuale acquistata da banche, assicurazioni e altri investitori italiani: sempre a novembre dello scorso anno risultavano avere nel complesso il 44,2% del debito pubblico della Penisola. I dati risultano dal supplemento al bollettino di Finanza pubblica della Banca d’Italia.

Stando alle rilevazioni di Via Nazionale gli investitori stranieri hanno Bot, Btp, Cct e altri titoli di debito per 776 miliardi sui 2211 totali del debito. Praticamente invariata a 401 miliardi i titoli in mano agli istituti di credito mentre salgono a 159 miliardi, l’8% del totale, quelli detenuti da Palazzo Koch: è l’effetto del programma di quantitative easing, nel cui ambito le banche centrali nazionali comprano titoli per conto della Banca centrale europea.

debito investitori stranieriIl debito nel suo complesso è rimasto sostanzialmente invariato rispetto al mese precedente, a 2.211,9 miliardi. Il fabbisogno complessivo del mese (7,8 miliardi),è stato compensato dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro per 7,3 miliardi. Il debito delle amministrazioni centrali è diminuito di 0,6 miliardi mentre è aumentato di altrettanto quello degli enti locali.

 

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Goldman Sachs, maxi-patteggiamento sui mutui: 5,1 miliardi per chiudere le cause

next
Articolo Successivo

Crescita, Bankitalia: ‘Pil su dell’1,5% nel 2016. Disoccupazione sotto 11% nel 2017’

next