Non è male che gli italiani si siano appassionati di obbligazioni subordinate e sofferenze bancarie. Chi irride alle sciocchezze dispensate sui social network da improvvisati esperti da bar riflette un terrore di casta, il terrore della democrazia. Segnatevi la data del 9 dicembre 2015 e il nome di Luigino D’Angelo: dopo la notizia del suicidio di un uomo che si è sentito truffato dalla sua banca niente sarà più come prima. I fari dell’opinione pubblica si sono accesi sui tabernacoli della finanza, sugli uffici con parquet dove banchieri, dirigenti della Banca d’Italia, della Consob e del ministero dell’Economia hanno finora gestito in totale segretezza la vita economica e i risparmi di tutti gli italiani.

risparmiatori banche 675

Non erano abituati. Non sanno proprio come si fa a rendere conto. Basta una semplice domanda a mandarli nel panico: chi, e in base a quali criteri, ha deciso di svalutare al 17,6 per cento le sofferenze delle quattro banche “salvate” il 22 novembre? Nessuno degli sventurati risponde. A che prezzo due giorni fa il Monte dei Paschi ha venduto il suo pacchetto di crediti inesigibili da 1 miliardo di valore nominale? Segreto di Stato. Eppure saperlo è decisivo ed è un diritto. I banchieri, che per anni si sono coperti a vicenda mentre elargivano finanziamenti generosi agli amici propri e dei politici di riferimento – bruciando il denaro di tutti mentre Bankitalia e Consob si giravano dall’altra parte – siedono sopra una bomba a orologeria da 200 miliardi di crediti inesigibili, le sofferenze. Valgono 84 miliardi, come hanno scritto nei loro bilanci? O solo 34 miliardi come sostengono i gufi di Bruxelles? Alla fine deciderà il mercato finanziario, che niente perdona. Se ha ragione l’Europa siamo fritti.

Per tutto il 2015 sono riusciti a nascondere il problema con parole fumose e la complicità di un giornalismo servile. Nel 2016 la partita si giocherà alla luce del sole. L’augurio è che la casta delle banche si riscatti dalla mediocrità e trovi una via d’uscita. Perché, se va male, il conto lo presenteranno ai lavoratori e ai risparmiatori.

Il Fatto Quotidiano, 30 dicembre 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bankitalia: anche con il cambio lira-euro ignorò i risparmiatori

next
Articolo Successivo

Autostrade, aumentano i pedaggi ma non i servizi. La lobby continua a ingrassare

next