Hanno tentato di far esplodere la cassaforte di un bancomat per rapinarlo, ma qualcosa è andato storto. Al posto dello scoppio, infatti, gli scassinatori hanno provocato una lenta combustione che ha bruciato la maggior parte delle banconote. E’ successo in un centro commerciale di Ponsacco, in provincia di Pisa. Come riporta Il Tirreno, il tentativo di furto è stato fatto con l’introduzione di un gas a uno sportello della Cassa di Risparmio di San Miniato. Il tanto fumo generato ha invaso molti negozi del mega-store. Sul posto è intervenuta una squadra di vigili del fuoco che ha contenuto l’incendio prima dell’arrivo del tecnico per l’apertura della cassaforte. Nessuna traccia, invece, degli scassinatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milleproroghe, via libera dal governo: niente norma anti-Uber e ancora Equitalia per la riscossione tasse locali

next
Articolo Successivo

Aste, quadro di Monet venduto in Cina per 3,2 milioni di dollari. E’ record

next