Trenitalia vira verso la digitalizzazione completa dei biglietti: i ticket attuali a fascia chilometrica, in commercio dal 1993, non saranno più utilizzabili a partire dal prossimo 30 giugno. L’obiettivo annunciato dall’azienda di trasporto ferroviario è la “completa digitalizzazione e smaterializzazione del biglietto, attraverso l’adozione di sistemi come le smartcard che agevolano i percorsi di integrazione, anche tariffaria, tra trasporto su ferro e su gomma”. Dal 31 dicembre quindi gli storici tagliandi senza data né tratta, non saranno più consegnati ai punti vendita, che potranno tuttavia continuare a commerciarli fino al 31 marzo 2016, a seconda della disponibilità delle scorte residue: i viaggiatori potranno invece utilizzarli fino al passaggio definitivo ai ticket digitali, vale a dire fino al 30 giugno 2016.

I biglietti futuri “conterranno sempre l’indicazione delle stazioni di partenza e di arrivo e saranno utilizzabili entro un tempo determinato dal loro acquisto” fanno sapere dall’azienda. Ai canali tradizionali come le biglietterie con operatore e macchinette self service, si affiancheranno, fino a sostituirli del tutto, i canali digitali come il sito trenitalia.com e l’App Prontotreno, dove l’acquisto può già oggi avvenire quattro mesi prima del viaggio fino a 20 minuti prima della partenza del treno, e il biglietto non deve essere stampato.

Trenitalia, “dopo aver condiviso l’iniziativa con i principali stakeholder, Regioni, associazioni dei consumatori e sindacati, ha avviato in questi giorni, un’ampia campagna di comunicazione per informare i propri clienti delle tante opzioni di acquisto e della vasta e capillare rete di vendita a disposizione”.

La scelta di portare tutte le operazioni di acquisto dei biglietti esclusivamente su internet nasce anche da una strategia di lotta all’evasione: il biglietto chilometrico nel corso degli anni ha alimentato il fenomeno dell’evasione e dell’elusione fiscale, “con un utilizzo improprio e fraudolento non sempre accertabile”. Per questo motivo i nuovi canali d’acquisto favoriranno la lotta all’evasione e allo stesso tempo permetteranno di “monitorare con precisione i reali flussi della domanda di trasporto, fornendo informazioni utilissime per una migliore programmazione dell’offerta da parte delle Regioni committenti”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Varese, falso invalido da 25 anni. Posta foto sui social mentre fa softair: indagato

next
Articolo Successivo

Pordenone, svolta nell’omicidio dei due fidanzati: indagata anche la compagna del commilitone

next