“Non ci sono bombe democratiche e il sabotaggio è considerato terrorismo dalla legge”. Con queste parole il Procuratore Generale della Repubblica di Torino Marcello Maddalena ha replicato alla difesa dei 4 No Tav accusati di terrorismo. Gli imputati erano stati assolti dall’ipotesi eversiva e condannati a tre anni mezzo per altri reati in primo gradi, ma la difesa ha respinto al mittente le accuse sottolineando che non si trattava di “bombe”, ma di bottiglie incendiarie e la gravità di un’eventuale condanna per terrorismo dei quattro imputati: “Mi spaventa il fatto che se questi atti vengono considerati terroristici – spiega il legale degli attivisti Claudio Novaro – un domani non sappiamo cosa capiterà perché tutto quello che viene ritenuto scomodo dalle istituzioni potrà essere perseguito come atto terroristico” di Simone Bauducco

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scandalo Mose, Orsoni: “Non ho mai ammesso colpevolezza. Ho chiesto il patteggiamento per il bene di Venezia”

next
Articolo Successivo

NoTav, sentenza d’appello: “Attacchi a cantiere Alta velocità? Non sono atti di terrorismo”

next