E’ l’1 e 25 di notte e alla Camera è in corso la maratona per l’approvazione della legge di Stabilità. La presidente Laura Boldrini dà la parola al leghista Roberto Simonetti che dice: “Grazie signor presidente”. Ma subito la Boldrini lo interrompe: ”Signora, perché io non sono un uomo”. E da lì la bagarre. Simonetti insiste: ”Fa lo stesso, io mi rivolgo alla presidenza come voglio”. Ma la presidente della Camera non ci sta e dice: “Non fa lo stesso. Allora lei è la deputata. Si rivolga con rispetto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Filippo Darth Sensi conserva ancora tracce di umanità?

next
Articolo Successivo

Salva banche – Caro Babbo Natale, hai troppa concorrenza: le richieste le inviano ai ‘babbi’ dei ministri

next