Nella notte tra il sette e l’otto dicembre ultimo scorso l’auto della giornalista di Servizio PubblicoDina Lauricella, è andata distrutta in un rogo nel quartiere di Vigna Clara, a Roma. È la stessa cronista a darne notizia sulla sua pagina Facebook: “Che sia stata una minaccia è tecnicamente da provare. Personalmente confido in una delle tante teste di cxxx che gira triste per la città. Indagheranno. Resta la violenza del gesto che però ho abbondantemente superato grazie a tutto il calore ricevuto. Una meravigliosa valanga che sento il dovere di arginare! Quindi piedi per terra”. Lauricella, storica inviata di Michele Santoro, si è a lungo occupata del caso di Vincenzo Scarantino, il falso pentito di mafia utilizzato per i depistaggi della prima inchiesta sulla strage di via D’Amelio. Noi vi riproponiamo il racconto della reporter con l’intervista all’ex picciotto della Guadagna arrestato alla conclusione della puntata del gennaio 2014 dal titolo ‘Lo Stato Criminale’ con l’accusa di violenza sessuale. Poi assolto nell’aprile dell’anno successivo (qui la prima parte dell’inchiesta)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, l’incredibile storia di Scarantino: falso pentito di mafia. L’inchiesta di Dina Lauricella

prev
Articolo Successivo

Omofobia, la parodia dei The Jackal ad Anno Uno: “Ecco la prima Chiesa gay”

next