Presidio all'Istituto Garofani di Rozzano con Matteo Salvini e Mariastella Gelmini

“Maestra chi è quel signore vestito di verde con in mano il presepe?”. Chissà come avranno spiegato, stamattina, i docenti della scuola di Rozzano la presenza di Matteo Salvini nei corridoi dell’istituto. Stamattina il leader della Lega Nord, dopo la polemica sui canti di Natale negati dal preside, è arrivato in via Milano con un presepe in mano ma non si è fermato davanti ai cancelli della scuola. Ha fatto di più.

Ha varcato la soglia della scuola, mentre i ragazzi e i loro docenti stavano facendo lezione. Ha girato per i corridoi, ha parlato con docenti e collaboratori scolastici.

Salvini oggi si è presentato alla scuola di Rozzano per fare propaganda politica come hanno fatto Maria Stella Gelmini e Ignazio La Russa. Hanno conquistato l’attenzione mediatica. Hanno fatto accendere le telecamere sulla scuola. E lo hanno voluto fare di lunedì, quando ci sono i ragazzini in classe; quando un bambino di 6 o 7 anni sta imparando a leggere e scrivere; quando una maestra sta insegnando i Babilonesi; quando un “bidello” sta tenendo in ordine il corridoio; quando un preside sta ascoltando un genitore o cercando di trovare un finanziamento per un progetto.

Perché il leader della Lega Nord non si è presentato ieri davanti alla scuola? Perché non è andato a lezioni terminate tra le aule? Chi ha permesso al leader di un partito di mettere il piede a scuola, in presenza dei bambini? Il ministero dell’Istruzione lascia che qualsiasi leader politico faccia ingresso quando e come vuole in una scuola? Avanti di questo passo ne avremo uno al giorno! Nessuno può negare a un politico di fare un comizio, una visita in una struttura pubblica, ma c’è un limite a tutto e questo limite si chiama rispetto. 

Salvini non può scambiare una scuola per un campo rom: lì (anche se a qualcuno può non piacere) può andare quando vuole, ma a scuola ci sono dei bambini. Stamattina racconta un quotidiano “la presenza dei giornalisti e dei curiosi ha creato disagi agli studenti e alcuni insegnanti hanno tirato giù le tapparelle per tutelare i bambini delle elementari”. Il leader della Lega sarebbe felice se alla scuola dei suoi figli si presentassero Nichi Vendola o Ignazio Marino mentre stanno imparando i Sumeri?

Noi maestri abbiamo solo un compito: insegnare ai nostri ragazzi a essere degli onesti cittadini, degli uomini e delle donne che si appassioneranno alla Politica, perché qualcuno di noi ha insegnato loro il valore della democrazia, studiando Atene o la nascita dell’Unione Europea dopo la Guerra.

A noi insegnanti interessa parlare loro di Aldo Moro e Peppino Impastato, il 9 maggio; di Altiero Spinelli che nessuno più ricorda. Vogliamo entrare in aula e spiegare loro chi era don Luigi Sturzo. A noi docenti interessa raccontare ai nostri ragazzi di Nelson Mandela e di Martin Luther King.

A noi insegnanti, non interessano le vostre propagande, i vostri comizi. Soprattutto se fatti durante una lezione. Perché per noi stare in aula è sacro. Per piacere, lasciate stare i bambini.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pietrasanta, niente presepe in un asilo nido. E il sindaco “impone” di allestirlo

next
Articolo Successivo

Natale, non solo Rozzano: nelle Marche no a canti religiosi in nome della laicità

next