Un’esposizione all’amianto indiretta, ma letale per la barista del dopo-lavoro ferroviario delle Officine Grandi Riparazioni a Bologna. Per questo il tribunale del Lavoro di Bologna ha condannato Rete Ferroviaria Italiana a risarcire con 780mila euro la figlia di una donna morta a 75 anni. La vittima non era un’operaia, ma lavorava nel bar il cui ingresso si trovava a pochi metri dal reparto tappezzeria delle Ogr.

Secondo il giudice a uccidere la barista sono state le polveri di amianto, entrate dalle finestre aperte oppure portate nel locale dagli operai, quando andavano a pranzare. Un’esposizione indiretta, ma letale, secondo il perito incaricato dal giudice. La donna, che lavorò al dopo-lavoro ferroviario dal 1962 al 1980, iniziò a star male nel 2010 e iniziò la causa quando era ancora in vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili