Sebastian Coe, il presidente della Federazione internazionale di atletica leggera, è stato accusato di conflitto di interessi per essere stato ambasciatore della Nike e allo stesso tempo colui che ha assegnato il Mondiale del 2021 proprio alla città statunitense di Eugene, sede del centro sportivo della Nike Oregon Project, non seguendo le tradizionali votazioni.

Il mezzafondista britannico, campione olimpico di Mosca ’80 e Los Angeles ’84, è stato eletto presidente Iaaf ad agosto, con Sergey Bubka che è rimasto vice-presidente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nba, il meglio delle partite alla vigilia del Ringraziamento. Sconfitta Cavs a Toronto e derby vinto dagli Spurs – Video

next
Articolo Successivo

Olimpiadi Rio 2016, il nuovo campo da golf a 18 buche? Nella riserva naturale

next