Durante la maxiretata scattata domenica sera in Belgio, migliaia di gattini di ogni razza e colore hanno invaso Twitter sotto l’hashtag di #BrusselsLockdown. La Polizia Federale aveva chiesto agli utenti dei social di non diffondere notizie in rete sui luoghi dei blitz antiterrorismo per evitare di aiutare involontariamente i terroristi. In particolare la polizia chiedeva di non dare informazioni sui luoghi delle perquisizioni e delle irruzioni. La richiesta delle forze dell’ordine, appoggiata anche da uno dei principali quotidiani belgi, Le Soir, è stata rispettata. La rete, poi, ci ha messo del suo, riversando un esercito di gattini sui social: un modo per rendersi utili e allo stesso tempo alleviare la tensione palpabile in città nell’ultima settimana. Le foto dei felini riversate su Twitter, hanno di fatto “nascosto” qualsiasi altro tweet, facendo passare in secondo piano ogni altra notizia. La polizia di Bruxelles ha risposto, postando sul proprio account Twitter l’immagine di una ciotola degli agenti federali piena di croccantini e la scritta: “Per tutti i gatti che ci hanno aiutato ieri…servitevi!”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, doganiere ucciso a colpi d’arma da fuoco a Tolone. Fermato il killer

next
Articolo Successivo

Francia, 50 milioni da Gheddafi per l’elezione di Sarkozy: “Autentica la lettera che prova ok al finanziamento”

next