google campus mamme_interna nuova

Qualche giorno fa è apparsa sul New York Times l’intervista tra due personaggi che hanno fatto la storia delle donne americane: il giudice della Corte Suprema (seconda nella storia a ricoprire quel ruolo) Ruth Bader Ginsburg e la giornalista femminista Gloria Steinem.

Amiche di lunghissima data (entrambe oltre gli ottanta) le due donne sono legate dall’aver condiviso, su piani diversi, le stesse campagne per l’emancipazione e i diritti delle donne, in un’epoca in cui anche se laureatesi ad Harvard prime della classe, le donne non trovavano lavoro. O avevano bisogno di un uomo per affittare un appartamento o per attivare una carta di credito.

Con le loro battaglie – una nelle corti l’altra attraverso i giornali – hanno creduto nel potere delle donne e nella costruzione di un loro ruolo attivo nel mondo.

Nonostante ci sia ampio margine per migliorare la divisione dei ruoli nelle famiglie e per salari alla pari, in America le donne hanno ottenuto di più e per come sta andando la campagna elettorale non è più così irrealizzabile vedere una donna insediarsi in Pennsylvania Avenue.

In Italia non riusciamo ad andare oltre le quote rosa…

In questi giorni è uscito il nuovo libro dell’avvocato Giulia Bongiorno, e nel suo ritratto delle donne nella società italiana sottolinea quanta sia ancora la strada da fare per smarcarsi dall’onere di far quadrare casa, famiglia e lavoro.

Mentre guardavo i bambini giocare al parco, ho ascoltato ieri l’ennesimo commento di una signora che divideva con me la panchina e parlava di scuola.

“La categoria delle mamme sarebbe da cancellare”. Anche lei naturalmente era mamma e in qualche modo anch’io, nel conversare, mi sono detta d’accordo. Di ritorno a casa non ho potuto fare a meno di domandarmi: è davvero scritto nel nostro destino di non riuscire a fare gioco di squadra?

Siamo noi le prime nemiche di noi stesse?”

E se veramente fosse così, qual è la vera ragione?

Troppo superficialmente si imputa la rivalità come causa della scarsa complicità tra donne e si riduce a barzelletta da bar la prerogativa che se una donna è bella, ovviamente attira l’antipatia delle altre. E’ quasi pensiero comune credere che per natura le donne invidino agli altri – e più degli uomini (Freud docet) – quello che non hanno.

Ammesso che possa esserci un elemento di invidia nella vita delle donne, è importante capire da cosa è originato. Provare a comprendere perché una donna con una qualità di vita media dovrebbe trovare insopportabile, odiosa, un’altra che non le ha fatto assolutamente nulla.

Si tratta, a mio avviso, di una guerra tra poveri.

Per quelle donne che restano in sottrazione nel mondo che conta, il piccolo universo che vivono quotidianamente (fatto di commissioni inutili, riti consueti e monotone ore) diventa la brutta copia della vita stessa.

Se a una donna togli la possibilità di educarsi, lavorare, entrare nella società dalla porta principale, affrontare le sfide e raccoglierne i successi, e le lasci come unica fonte di soddisfazione la cena delle otto e le riunioni coi maestri, quella sarà una donna che lotterà per le briciole che qualcun’altra come lei potrà toglierle. Privare la donna del piacere di una vita completa è una sconfitta per tutta la società, anche per gli uomini.

Diversamente, arricchita di stimoli su più fronti – affettivo, lavorativo, personale – non spenderà più la sua energia a guardarsi le spalle e a trovare nelle altre dei potenziali concorrenti.

Ma per cambiare questo scenario bisogna eradicare dal modello italiano il culto della mamma, protettrice di tutti i congiunti, l’angelo che provvede a tutto, la venere paziente che svolge mansioni, la creatura celeste che sfama gli affamati e disseta gli assetati.

Il culto della famiglia interamente sulle spalle della genitrice è un modello obsoleto che va smantellato. Da metter fuori produzione quanto lo strizzatoio o la cintura di castità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sulle donne: picchiata per 24 anni. Donna, sopporterai (per sentenza) con dolore e dolo

next
Articolo Successivo

Giornata contro la violenza sulle donne 2015: ‘Nei tribunali non si rispetta la Convenzione di Istanbul’

next