La Corte d’Appello di Torino ha dichiarato ammissibile la class action avviata da Altroconsumo contro la Fiat, dopo che il Tribunale l’aveva ritenuta infondata. L’associazione aveva avviato una class action anche contro la Volkswagen (la decisione d’ammissibilità del giudice di Verona non è ancora arrivata) più di un anno fa, dopo aver sottoposto una Fiat Panda terza serie 1.2 benzina e una VW Golf 1.6 TDI a un test di consumo in laboratorio. I risultati della prova di Altroconsumo mostravano consumi superiori rispetto a quelli dichiarati dai due costruttori (del 50% la Volkswagen, del 20% la Fiat) nonostante, dice l’associazione, i test fossero svolti secondo le specifiche di omologazione. Secondo l’associazione, le “false aspettative create nei consumatori” prefigurano “una vera e proprio pratica commerciale scorretta“. Per questo, nell’atto di citazione è richiesto che la casa automobilistica sia condannata al risarcimento dei danni: “ipotizzando una percorrenza annua di 15.000km, la somma è di 239 euro per i possessori di Fiat Panda 1.2″.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercato auto europeo, a ottobre +2,7%. Il gruppo Volkswagen perde lo 0,8%

next
Articolo Successivo

Volkswagen, nessun regalo agli europei: bonus da 1.000 dollari solo per clienti Usa

next