E’ morto l’uomo più alto del mondo. Pornchai Sawsri269 centimetri di altezza, è deceduto a ventisei anni in Thailandia nella sua casa nella provincia di Surin dopo un recente ricovero in ospedale dovuto all’ipertensione.

A riportarlo è il quotidiano Bangkok Post che ha spiegato che l’uomo, da diversi anni, soffriva di malattie relative al suo disturbo della crescita. Sawsri era costretto a vivere a letto e la sua storia è stata pubblicata su diversi media locali, dove si chiedeva fondi per aiutarlo a sostenere le ingenti spese mediche di cui aveva bisogno.

L’uomo, tuttavia, non è mai stato certificato come titolare del Guinness World Record. Attualmente, con 251 cm, la persona in vita più alta è ufficialmente il turco Sultan Kosen. Invece la persona più alta nella storia è stato l’americano Robert Wadlow dall’Illinois, la cui altezza, certificata nel 1940, era stata misurata in 272 centimetri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Settimana del Baratto, gratis nei bed and breakfast in cambio di beni e servizi

next
Articolo Successivo

Sanità: cara Lorenzin, perché non vuole risparmiare?

next