Chi è già stato a Parigi sa che della Tour Eiffel non ci si stanca mai, ma tra i tanti tesori della capitale francese ce ne sono anche di meno noti e più nascosti. Se volete uscire dal “sentiero battuto” e scoprire angoli tanto belli quanto privi di orde di turisti senza perdervi i “must” eccovi alcuni spunti:

selec-picDSC_0147

Place des Vosges

La più antica e probabilmente anche la più bella piazza di Parigi nel quartiere del Marais. Se volete approfittare dello spettacolo dell’autunno e dei suoi colori nei giardini vi conviene visitarla prima delle 18 o troverete i cancelli chiusi e dovrete accontentarvi (si fa per dire) di un giro sotto i portici.

selec-picDSC_4

Bouillon Chartier

Antichissima brasserie in stile belle époque fondata nel 1896 e considerata “monumento storico”. Qui potrete mangiare i classici della cucina francese serviti da camerieri vestiti in abiti tradizionali che oltre ad essere rapidi ed efficaci vi faranno il conto direttamente sulla tovaglia.

SELEC-picDSC_5

Rue Crémieux

Per la serie “Parigi sconosciuta” questa tranquilla strada pedonale con le casette colorate si trova a due passi dalla frequentatissima Gare de Lyon.

selec-picDSC_0031

Giardini del Museo Rodin

Arte, cultura e natura in totale armonia. Passeggiate in questi giardini ammirando “il pensatore” e le altre magnifiche statue dello scultore Auguste Rodin.

selec-picDSC_0108

Orchestra della Metro

Non fatevi prendere dallo stress e dalla fretta dei parigini e fermatevi divertiti ad ascoltare le orchestre improvvisate nei corridoi della metro parigina, una ricarica di buon umore e positività!

selec-picDSC_0121

Bateau Mouche

Ottimo modo per una panoramica di un’ora, dalla Senna attraversando ponti secolari e scrutando monumenti come il Museo d’Orsay, il Grand Palais o l’Ile de la cité.

SELEC-picDSC_0027

Passage de l’Ancre

In pieno centro, tra il traffico e i fiumi di persone che entrano ed escono dalla metropolitana c’è una piccola oasi piena di verde con qualche boutiques e casa privata.

selec-DSC_0123

I classici

Montmartre, il Louvre, la Tour Eiffel, Notre Dame… Anche se siete già stati a Parigi dopo qualche giorno la voglia di rivedere almeno uno di questi luoghi si impossesserà di voi e capirete che questa era motivata quando vi troverete a contemplare il tramonto con lo sfondo della Tour Eiffel dalla collina del Sacro Cuore o una delle antichissime e colorate vetrate dell’imponente cattedrale di Notre Dame.

selec-picDSC_18E dopo tanto camminare…

Se come noi avrete avuto voglia di scoprire tutti questi posti allora probabilmente anche i vostri piedi cominceranno a reclamare. Seguendo i sempre validi consigli della mia travel blogger preferita ho provato la vasca di galleggiamento (o di deprivazione sensoriale) che grazie ad una soluzione che riproduce le condizioni dell’acqua del Mar Morto vi dà l’impressione di essere su una nuvoletta o direttamente nello spazio.

Per una visita culturaleMuseum Pass, entrate in più di 50 musei senza dover fare la fila. Se non volete perdere l’occasione di visitare i musei senza spendere un capitale questo è ciò che fa per voi.

Dove dormire: Hotel de Sèvres, comodo e carino, tra i quartieri St Germain e Montparnasse in pieno centro di Parigi e ad un minuto dalla metro St Placide, per poter raggiungere facilmente tutte le destinazioni in poco tempo.

Tutte le foto di Parigi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sex toys: questione di glutei? Uomini, è arrivato il ‘Twerking Butt’

next
Articolo Successivo

Downton Abbey e ville inglesi: viaggio tra serie tv e dimore aristocratiche

next