“Agnelli provenienti dall’estero venivano spacciati come sardi”. Per questo la Procura di Sassari ha chiesto il rinvio giudizio per 130 persone accusate di aver ottenuto finanziamenti comunitari per centinaia di migliaia di euro usando falsi marchi Igp per gli agnelli sardi. Secondo gli inquirenti, le truffe venivano realizzate grazie alla falsificazione dei registri di carico e scarico e delle dichiarazioni per usufruire di marchi protetti. E anche molte ispezioni e controlli risultano falsi. Tra i coinvolti nell’inchiesta del pm Gianni Caria ci sono dirigenti del Consorzio di tutela Igp “Agnello di Sardegna” e dell’Ocpa (l’organismo consortile per il controllo dei formaggi sardi dop), ispettori, tecnici, allevatori, autotrasportatori, proprietari di macelli e commercianti di carni. I reati contestati vanno dall’associazione a delinquere al falso ideologico e materiale alla truffa e alla frode in commercio. L’udienza preliminare si terrà il 29 gennaio 2016 al tribunale  di Sassari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia Capitale, Tronca firma istanza per parte civile del Comune di Roma. I legali: “Evoluzione della Banda della Magliana”

prev
Articolo Successivo

WhatsApp, prof filmati e derisi in classe: 22 studenti sospesi. Protesta dei genitori

next