Fabrizio Corona ha ottenuto l’affidamento ai servizi sociali sul territorio, ossia potrà lasciare la comunità di don Mazzi e tornare a casa, affidato appunto ai servizi sociali. Lo ha deciso il tribunale di sorveglianza di Milano. Lo scorso giugno, dopo circa due anni e mezzo di detenzione, Corona, assistito dai legali Ivano Chiesa e Antonella Calcaterra, era uscito dal carcere ottenendo l’affidamento in prova ai servizi sociali nella comunità Exodus di Lonate Pozzolo (Varese) di don Antonio Mazzi. In quel caso, il giudice Giovanna Di Rosa aveva concesso l’affidamento per una serie di ragioni, tra cui l’assenza di pericolosità sociale e il passato di tossicodipendenza dell’ex agente fotografico.

Giovedì scorso davanti a un collegio di giudici della sorveglianza si è tenuta l’udienza per decidere sulla conferma o meno dell’affidamento ai servizi sociali. L’ex fotografo dei vip davanti ai giudici ha ribadito più volte di essere cambiato, chiedendo un’opportunità “per dimostrarlo”. Da poco è arrivata la decisione dei giudici che, stando a quanto riferito dai legali, hanno confermato l’affidamento, permettendo che si svolga “sul territorio”. Corona dunque non dovrà più stare nella comunità, ma potrà tornare a casa, anche se dovrà seguire una serie di disposizioni relative all’affidamento in prova.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Corruzione, area Castello a Firenze: condannati Ligresti e due ex assessori Pd

next
Articolo Successivo

Strage del Bardo: scarcerato Touil, il giovane arrestato a Gaggiano 5 mesi fa. La Procura chiede l’archiviazione

next