Ancora morti nel Mediterraneo. I corpi senza vita di 40 migranti sono stati recuperati al largo delle coste della Libia dalla Mezzaluna Rossa, la Croce Rossa del paese nordafricano. Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, si tratta delle vittime di un naufragio avvenuto una settimana fa. Ventisette corpi sono stati ritrovati al largo del porto di Zlit, 160 chilometri a est di Tripoli; altri 13 invece sono stati recuperati al largo di Khoms.

Nel weekend, invece, 5 migranti sono morti in due naufragi avvenuti nel mar Egeo, l’altra principale rotta battuta dai barconi. Tra le vittime anche due bambini di 2 e 7 anni, annegati davanti all’isola di Lesbo. Altre 7 persone risultano disperse mentre 53 sono state salvate.

Intanto nella notte tra domenica e lunedì, al vertice di Bruxelles tra la Ue e i paesi balcanici è stato trovato un accordo in extremis sull’emergenza migranti. L’intesa prevede la creazione di 100mila posti nei centri di accoglienza di cui 50mila in Grecia e altri 50mila nei paesi balcanici. Tuttavia i migranti potranno essere ospitati solo se registrati e identificati. Ad Atene, inoltre, la Commissione Europea ha concesso 5,9 milioni di euro di fondi emergenza per affrontare i costi dell’emergenza. “Ora bisogna mettere in pratica questi impegni, perché in Europa i problemi degli uni sono i problemi degli altri perché è inaccettabile che nel 2015 le gente sia lasciata dormire nei campi e attraversare fiumi con l’acqua sino al petto in temperature glaciali” ha commentato il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Medio Oriente, l’Intifada dei coltelli farà più vittime dell’Intifada dei kamikaze

next
Articolo Successivo

Air Cocaine, due piloti francesi “evadono” in patria dopo la condanna a 20 anni per narcotraffico a Santo Domingo

next