grandi navi 675 1

Più di anno fa scrissi con sgomento delle grandi navi a Venezia; con sgomento e rabbia ricordando che una delle forme di inquinamento più subdole è quella riferita all’inquinamento visivo.
Pochi mesi dopo ricordavo la figura di Carlo Scarpa a proposito della luce e della sua capacità quindi a ricavarla anche negli interni.

Queste due circostanze si sono incrociate adesso con la mostra di Berengo Gardin sulle Grandi Navi nel negozio Olivetti di Carlo Scarpa. Contrario il sindaco, e non si capisce perché, quando l’orrore non viene solo mostrato nelle pur belle foto di un maestro dell’obiettivo, ma ce l’ha tutti giorni sotto gli occhi. Entusiasta sarebbe viceversa stato Adriano Olivetti, vero cultore della bellezza, imprenditore sagace ed illuminato che, troppo avanti per i suoi tempi, amava il design quanto la tecnica; anche il suo linguaggio era moderno, quando sosteneva che una bella fabbrica, un bel complesso residenziale erano il biglietto da visita di un’azienda, la sua migliore ed etica pubblicità. Creavano quella comunità di persone che, stando nella bellezza, non potevano che essere migliori.

La visione agghiacciante di quei mostri invece, che sembrano voler entrare di prepotenza e mangiarsi la città lagunare, non può che deprimere e mortificare l’animo delle persone, non solo dei turisti, ma anche e soprattutto dei residenti. Venezia, con un turismo programmato e intelligente viceversa, ne trarrebbe giovamento anche e soprattutto economico. Ma in questo non è isolata, ahimè, con la politica miope ed idiota che si fa sul turismo culturale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Pensavo fosse amore invece era Matteo Renzi”: le vignette di Natangelo sulle avventure del Palazzo (e del Fatto)

prev
Articolo Successivo

Festival ‘Sabir’, a Messina comincia a muoversi qualcosa sul versante teatro

next