“Non credo favorirà la cementificazione facile, penso sia un testo equilibrato, comunque inizia adesso il suo percorso, dunque ci saranno tutti i tempi necessari affinché il Parlamento possa modificarlo, è un disegno di legge, non un testo del governo, noi porteremo il nostro contributo ma il sovrano è il parlamento”. E’ quanto afferma ai microfoni de ilfattoquotidiano.it il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti sul ddl legato al consumo del suolo, una proposta del Pd rimasta nel cassetto per due anni e approdata adesso in Commissione, con davanti un percorso ad ostacoli. E sui disastri dovuti al maltempo in Calabria e in altre parti del mezzogiorno afferma: “Sono molto preoccupato dello stato del nostro territorio, su questo stiamo intervenendo con un’azione forte sul dissesto idrogeologico, ma – continua – con molta responsabilità dico anche che ci vorrà molto tempo, sono interventi pesanti sia da un punto di vista finanziario che strutturale. Noi abbiamo ribadito più volte che questo Paese – affrma Galletti – ha bisogno di una legge sul consumo del suolo, è troppo presto adesso per giudicare il testo lo faremo alla fine”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforma Rai, M5S: ‘Inqualificabile, copiamo Bulgaria. Canone-bolletta? Incostituzionale’

prev
Articolo Successivo

FI, Santanchè: “Renzi? Mi fa godere in modo totale, fa fuori un comunista al giorno”

next