Adriano Galliani è indagato  nell’inchiesta sul crac del Parma calcio. L’amministratore delegato e vicepresidente vicario del Milan è indagato dalla Procura di Parma e accusato di concorso in bancarotta fraudolenta. Nella richiesta di proroga delle indagini, in arrivo in questi giorni ai vari indagati, compare esclusivamente la tipologia di reato.

Non vengono comunicati ulteriori dettagli ma, secondo il sito della Gazzetta di Parma, sembra che al centro dell’accusa ci sia la cessione sottocosto di un giocatore dal Parma, Gabriel Paletta, ai rossoneri. Il difensore ora gioca nell’Atalanta. Nel gennaio scorso, la società di Berlusconi avrebbe acquistato il calciatore italo-argentino pagando solo 2,5 milioni di euro, rispetto alla quotazione di mercato molto più elevata. Per gli inquirenti, si tratta di un valore così basso “da creare un ulteriore depauperamento del patrimonio societario, contribuendo così ad aggravare il dissesto”. Inoltre, a quanto riporta il quotidiano locale, la Procura della città emiliana nei giorni scorsi ha avanzato al gip anche la richiesta di proroga delle indagini e possibili nuovi avvisi di garanzia che potrebbero ancora non essere stati notificati ai diretti interessati, compreso quello a Galliani. Il Parma quest’anno ha iniziato il campionato Dilettanti con una vittoria. Gli attuali presidente e allenatore della società sono rispettivamente Nevio Scala e Luigi Apolloni. Sulla vicenda dell’iscrizione di Galliani nel registro degli indagati, il Milan ha diramato una nota ufficiale in cui si sottolinea “la perfetta regolarità dell’operazione ed è certo che identica sarà la valutazione dei magistrati competenti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inchiesta sui diritti tv, perquisizioni nelle sedi di società di Serie A e B, Genoa e Bari

prev
Articolo Successivo

Indagine Infront, “Preziosi e Paparesta indagati per doping finanziario, Lotito per ostacolo alla vigilanza”

next