“Chiariamolo subito: la mia spalla sta bene. A Motegi scenderò in pista, senza grossi problemi”. Il tweet di Jorge Lorenzo non è di quelli che passano inosservati. Specie se a scriverlo è il pilota che si sta giocando il titolo mondiale con Valentino Rossi, a una manciata di giorni dal gran premio del Giappone. Che è proprio quello in cui Jorge è decisamente favorito rispetto all’italiano, e dove il maiorchino vorrebbe recuperare buona parte di quei 14 punti che lo dividono da Rossi.

L’infortunio è avvenuto sabato scorso, mentre Lorenzo si stava allenando con le minibike. Secondo i media spagnoli, si tratterebbe di una lussazione con stiramento di primo grado al legamento della spalla sinistra. La stessa che si era fratturato gravemente due anni fa, prima ad Assen e poi al Sachsenring. E che già nel 2013, a causa dei punti persi per quella doppia frattura della clavicola, gli costò il titolo mondiale. Che fu poi vinto dal rookie Marc Marquez, con quattro punti di vantaggio sul connazionale. L’entourage del pilota ha assicurato al sito spagnolo Motocuatro.com che “l’infortunio non è grave, in Giappone Lorenzo scenderà sicuramente in pista”. Anche perché questa volta non ha la minima intenzione di farsi sfilare dalle mani il quinto titolo mondiale. Infatti, proprio mentre twittava quelle poche rassicuranti parole, il maiorchino era già a Dubai. Con un tutore preventivo, direzione Aeroporto internazionale di Narita (cioè Tokio). La sua presenza in pista nel weekend non è in dubbio. Ma questo infortunio potrebbe cambiare lo scenario proprio all’alba del trittico Motegi – Phillip Island – Sepang, decisivo per l’assegnazione del titolo a lui o a Valentino. Perché nelle prossime tre settimane la carovana della MotoGp passerà dal Giappone all’Australia e poi subito in Malesia, senza settimane di sosta per riprendere fiato e forma fisica.

Intanto, non hanno evidenziato lesioni gli esami eseguiti da Jorge in una clinica di Barcellona. La stessa città dove mercoledì scorso il dottor Xavier Mir ha operato Marc Marquez, che era caduto il giorno precedente mentre si allenava con la bicicletta, a Cervera, insieme al fratello Alex. Per lui, frattura al mignolo della mano sinistra e intervento riuscito. Insomma, i due spagnoli – favoritissimi sulla pista di Motegi – in Giappone ci saranno, ma la loro condizione non sarà certo al 100%.

Un’occasione da sfruttare per Valentino Rossi, che non ama il Twin ring. E per i piloti Ducati, che potrebbero approfittare della condizione non ottimale dei due spagnoli per cercare di tornare sul podio. Ma attenzione: anche Valentino è caduto, durante gli ultimi test Michelin ad Aragon, riportando una forte abrasione al gomito destro. Le prove libere, questa volta, saranno più che mai fondamentali, per capire come stanno realmente i due spagnoli e quanta autonomia avranno in prospettiva della gara. Una gara che sembrava già scritta, e che invece è ancora tutta da correre. Con l’aiuto della Clinica mobile.

Twitter: @fraberlu

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

MotoGp, meno 4 gare al titolo: Rossi favorito in Australia e Malesia, Lorenzo in Giappone. Honda mina vagante

prev
Articolo Successivo

MotoGp, Pedrosa ago della bilancia: può decidere le sorti della sfida Rossi-Lorenzo per il Mondiale

next