Se questa storia finisse nelle mani di Altan una zucchina prenderebbe il posto del suo mitico ombrello.

Stando a un’inchiesta realizzata nella Brianza lecchese dalla Cgil, le “zucchine elettorali”, regalate per condire consensi dalla Lega nord, venivano prodotte pagando in nero 4 euro all’ora quelli che nel codice padano vengono chiamati “i bongo bongo” cioè gli immigrati di colore. La cooperativa segnalata all’Ufficio del Lavoro vedrebbe come titolare Alessandro Magni, figlio dell’ex primo cittadino leghista, Giuseppe Magni.

“I lavoratori, quasi tutti senegalesi – racconta Lecconews – avrebbero riferito che spesso era proprio l’ex primo cittadino leghista Giuseppe Magni ad accompagnarli sui campi per la raccolta e si sono ribellati quando gli hanno proposto un euro a cassetta”.

ZUCCHINE PADANE

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiat Chrysler, lavoratori Usa bocciano accordo su rinnovo contratto: “Non supera le differenze di salario”

next
Articolo Successivo

Cgil, dirigenti protestano contro il direttivo a Expo. “Fermati per resistenza”

next