Edward Snowden ha deciso di iscriversi a Twitter. In poche ore il suo account ha già raccolto migliaia di follower, mentre ha deciso di seguire un solo altro profilo: quello della National Security Agency. “Mi sentite adesso?”, ha esordito il 29 settembre, alle 18 ora italiana, l’ex talpa del Datagate. La frase scelta riprende proprio lo slogan della compagnia telefonica Verizon, al centro dello scandalo che ha coinvolto l’Nsa. Snowden ha scelto come foto di copertina un collage con le prime pagine dei quotidiani americani, dal Wall Street Journal al New York Times, sullo scandalo intercettazioni.

Nel suo profilo l’ex analista dell’Nsa, divenuto celebre per aver rivelato l’esistenza di un piano di sorveglianza di milioni di persone negli Stati Uniti e in tutto il mondo, scrive: “Lavoravo per il governo. Ora lavoro per la gente. Direttore di @FreedomfPress”. L’ex funzionario, che su Twitter ha il profilo verificato @Snowden, dal 2013 è rifugiato in Russia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, Anzaldi (Pd) insiste: “Bianca Berlinguer ha dato tanto, ma così tanto che può anche andare”

next
Articolo Successivo

Facebook: se il social non rimuove pagine offensive perché rientrano negli ‘Standard’

next