adotta un ragazzoFaccio una premessa affinché non mi arrivino a casa lettere minatorie di donne infuriate. Questo è un post ironico, più degli altri e, quindi, se lo leggete fino alla fine siate autorizzati a chiedervi: “Ma dice sul serio?”.

Il tema è AdottaUnRagazzo.it, una community con più di dieci milioni di persone in tutto il mondo, ben animato anche in Italia, in cui ragazze e ragazzi si ritrovano per conoscersi e allargare la propria cerchia di amicizie. Ufficialmente. Sotto sotto, invece, la speranza è sempre quella: fare sesso. Fin qui, niente di strano, ce ne sono tante. Quello che lo contraddistingue, però, è il “potere” dato alle donne. Cioè, sono le ragazze a cercare un uomo e a contattarlo, lui può solo piacevolmente subire la scelta.

Ovviamente, il sistema ti suggerisce i ragazzi della tua zona che, non mi svenite, sono chiamati Prodotti Locali. E’ come andare al supermercato dove i cetrioli, se sono paesani, è meglio (qualsiasi uso se ne faccia). Curiosa di capire cosa spinge un uomo a pagare per iscriversi, sono entrata con falso nome ed ho contattato un po’ di tipi. Risultato: due cerebrolesi, un paio “me la dai subito?”, qualcuno simpatico e dotato anche di un quoziente intellettivo discreto. Al che ho chiesto perché si fosse iscritto. Risposta: “E’ un modo simpatico per conoscere nuova gente. Qui non ci prendiamo sul serio ma giochiamo e ironizziamo. E stacchiamo dai problemi del quotidiano”. Vuoi vedere che alla fine questo tipo mi ha dato una piccola lezione? Forse uno dei segreti per vivere bene è prendersi un po’ in giro.

Ma dico sul serio?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cucina siciliana: ecco il vero Re

next
Articolo Successivo

Vacanze addio! Riflessioni di fine stagione

next