Crescono Pd e M5S e per la prima volta da mesi la Lega Nord è in calo. Sale al 26 per cento la fiducia in Luigi Di Maio come leader (+2 per cento). La riforma del Senato in discussione in Parlamento? Il 56 per cento degli intervistati ammette di non averla capita. Sono questi i risultati di un sondaggio Ixè per Agorà (RaiTre).

Secondo l’Istituto di Roberto Weber, il partito del presidente del Consiglio Matteo Renzi mantiene la tendenza di crescita delle ultime settimane e tocca quota 34,2% (+0,2%). Il M5S si consolida secondo partito con il 23,1% (+0,6%) mentre la Lega Nord scende sotto il 15% (14,9%, -0,2%). Se si votasse oggi, l’affluenza sarebbe al 60,7 per cento. Sempre secondo lo stesso sondaggio, FI passa dal 10,4 al 10,8% e anche Sel arriva dal 4,6% al 4,9%. Il Prc dallo 0,9 all’1%. Parlando invece della fiducia nei leader, cresce quella nel deputato M5S Di Maio mentre Renzi rimane stabile al 31 per cento. Il segretario del Carroccio Matteo Salvini scende al 20% (-1 per cento). Sale anche se di poco Silvio Berlusconi all’11 per cento (+1%).

Per quanto riguarda la riforma del Senato in discussione in questi giorni in Parlamento, solo il 28% sostiene di essere informato, mentre il 16% non si esprime. Entrando nel merito del provvedimento, l’articolo 2 che abolisce l’eleggibilità diretta dei senatori piace solo a 1 italiano su 3 (33%). Più netta la porzione di popolazione contraria alla modifica (45%).

Si tratta di un sondaggio CATI-CAMI effettuato su un campione casuale probabilistico stratificato di 1.000 soggetti maggiorenni (su 8.811 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall’Istat. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza. Margine d’errore massimo: ± 3,1 per cento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Milano, Maroni: “Se vinciamo sfrattiamo Renzi. Sala? E’ di sinistra”

next
Articolo Successivo

Riforma Senato, Bersani: “Aperture di Renzi? Bene, ma si intervenga su art.2”

next