Il Movimento 5 Stelle lancia l’allarme contro le norme sulle intercettazioni contenute nella riforma del processo penale già ribattezzata ‘legge bavaglio’. Un provvedimento che martedì torna all’esame della Camera per avere il via libera già entro questa settimana. “Siamo qui per lanciare un grido d’allarme – ha detto in conferenza stampa a Montecitorio il deputato M5S Vittorio Ferraresi – ma questa non è la denuncia dei 5 Stelle bensì di tutti i cittadini liberi perché arriva in aula una delle riforme più vergognose realizzate in questi due anni di legislatura. Nemmeno Silvio Berlusconi è arrivato a fare tanto perché erano riusciti a fermarlo”. Per Giulia Sarti rincara la dose: “Il rischio è che i cittadini non possano conoscere i rapporti che intercorrono tra politici e personaggi poco chiari. Prima della pausa estiva è stato disposto il contingentamento dei tempi e in Aula non avremo lo spazio per far capire la gravità di quello che sta succedendo”. Sul tema è intervenuto anche il presidente dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino: “Con la delega sulle intercettazioni, il diritto dei cittadini ad essere informati rischia di essere veramente pregiudicato”. Il giornalista conclude citando un recenti caso di cronaca politico-giudiziaria: “È rilevante sapere che un Rolex ‘viaggia’ verso il figlio del ministro? Io penso di sì”. Per Marco Lillo del Fatto Quotidiano, anche lui intervenuto in conferenza stampa, “quello che non si vuol far pubblicare sono dati di rilevanza pubblica per il giornalista e per i lettori che non sono penalmente rilevanti per i magistrati” di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lisa Fusco: “10mila euro? Mi rompo un altro osso per finta in tv”. Ma è uno scherzo

prev
Articolo Successivo

India, rissa tra santoni in tv: l’astrologa prende a schiaffi il guru che a sua volta ha reagito

next