A dare l’allarme è stato un medico di turno nella notte tra il 9 e il 10 settembre scorso. Un’auto della Polizia di Stato è stata incendiata e secondo i primi accertamenti il rogo sarebbe di origine dolosa. Si indaga sulla matrice antagonista-anarchica. “E’ un fatto gravissimo compiuto contro le istituzioni”, ha commentato il procuratore aggiunto Valter Giovannini. “Verrà fatto ogni sforzo per individuare gli autori che saranno perseguiti con risolutezza e severità”.

La vettura, una Fiat Stilo con i colori di istituto, era parcheggiata nei pressi del posto di polizia dell’ospedale Sant’Orsola, vicino al pronto soccorso. L’innesco è stato rudimentale, probabilmente con liquido infiammabile, alla ruota posteriore sinistra e la macchina è stata seriamente danneggiata. Vicino all’auto bruciata, fermato con un sasso, è stato trovato un foglio scritto al computer: “Colpire i fascisti e chi li protegge. Libertà per Andrea, Pippo e Tommy. Sbirri assassini, per voi nessuna tregua”, il messaggio con riferimento ai tre attivisti di centri sociali, due di Modena e uno di Parma, arrestati a fine agosto per un incendio di una casa di proprietà di un esponente di Casapound, nel 2014 nel Parmense.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, a Bologna il tempo pieno lo finanzia Unindustria. Proteste docenti e famiglie: “Privati decidono didattica”

next
Articolo Successivo

Terremoto, l’asilo ricostruito “è il più bello del mondo”. Ma per finirlo il Comune ha bloccato tutti gli altri investimenti

next