“Un’apertura vera sulla riforma costituzionale ancora non c’è. Tocca a Renzi farla”. Il giorno dopo l’assemblea Pd e il giorno dopo le parole di Matteo Renzi sulle possibilità di mediazione sul ddl Boschi, Roberto Speranza critica la trattativa appena iniziata. Il presidente del Consiglio ha detto nelle scorse ore che le modifiche possono esserci, ma devono essere condivise. Ma soprattutto ha detto che l’articolo 2 non si tocca: ovvero il punto centrale che stabilisce la non elettività del nuovo Senato resta e non è aperto a cambiamenti.

La minoranza Pd però non sembra essere interessata a nessun altro cambiamento. “Sediamoci attorno a un tavolo”, ha detto Speranza, “e troviamo una soluzione che tenga unito tutto il Pd”. L’ex capogruppo alla Camere, che si era dimesso in polemica con la decisione del governo di mettere la fiducia sull’Italicum, ha accolto positivamente la proposta di Renzi di concordare le modifiche nell’ambito di riunioni congiunte tra deputati e senatori. Ma ha sottolineato che “un’apertura vera” sul tema più controverso, l’elettività dei futuri senatori, può venire “solo da Renzi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comune di Milano: le bufale di Renzi e il futuro della città

next
Articolo Successivo

Bilardi, sì all’arresto dell’esponente Ncd in giunta del Senato. Ok da Pd e M5s

next