“Un’apertura vera sulla riforma costituzionale ancora non c’è. Tocca a Renzi farla”. Il giorno dopo l’assemblea Pd e il giorno dopo le parole di Matteo Renzi sulle possibilità di mediazione sul ddl Boschi, Roberto Speranza critica la trattativa appena iniziata. Il presidente del Consiglio ha detto nelle scorse ore che le modifiche possono esserci, ma devono essere condivise. Ma soprattutto ha detto che l’articolo 2 non si tocca: ovvero il punto centrale che stabilisce la non elettività del nuovo Senato resta e non è aperto a cambiamenti.

La minoranza Pd però non sembra essere interessata a nessun altro cambiamento. “Sediamoci attorno a un tavolo”, ha detto Speranza, “e troviamo una soluzione che tenga unito tutto il Pd”. L’ex capogruppo alla Camere, che si era dimesso in polemica con la decisione del governo di mettere la fiducia sull’Italicum, ha accolto positivamente la proposta di Renzi di concordare le modifiche nell’ambito di riunioni congiunte tra deputati e senatori. Ma ha sottolineato che “un’apertura vera” sul tema più controverso, l’elettività dei futuri senatori, può venire “solo da Renzi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Comune di Milano: le bufale di Renzi e il futuro della città

prev
Articolo Successivo

Bilardi, sì all’arresto dell’esponente Ncd in giunta del Senato. Ok da Pd e M5s

next