Premia il migliore articolo, community, personaggio. Senza trascurare radio, siti tv e presenza social. In tutto sono 37 le categorie dei Macchianera Italian Awards (MIA2015), che saranno consegnati ai vincitori da Gianluca Neri e Diano del Bufalo il 12 settembre nel corso della Festa della Rete (ex Blogfest). Un appuntamento che arriva alla sua decima edizione e che si svolgerà a Rimini dall’11 al 13 settembre. Tre giorni di dibattiti dedicati a chi utilizza il web nel lavoro e nella vita e che coinvolgeranno blogger, giornalisti, YouTuber, scrittori, chef, opinion leader e social media addicted.

Quest’anno Il Fatto Quotidiano.it è candidato per le categorie miglior sito, miglior testata giornalistica e miglior sito di news online (l’anno scorso era stato premiato come migliore testata giornalistica). Potete esprimere la vostra preferenza compilando il form che trovate sotto, ed è possibile votare fino a giovedì 10 settembre 2015,

La passata edizione della Festa della Rete – si legge in una nota – ha contato più di 12mila presenze, 92 eventi, 62 ore di workshop e panel, oltre 600mila utenti raggiunti in rete, 1.162.676 voti per i MIA, ed è stata ininterrottamente, per tre giorni, “trending topic” su Twitter. Saranno sei le “aree tematiche” all’interno delle quali si svilupperà l’agenda della BlogFest: Economy, Lifestyle, Food, Family, Media e l’area “Fuori rete”, sede degli eventi speciali o fuori programma. Ci sarà spazio per conferenze, tavole rotonde, workshop, giochi, concerti, showcooking e dirette streaming.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Media: la pubblicità sta ridimensionando quel che resta dell’informazione libera?

next
Articolo Successivo

Playboy, Gherardo Colombo fa l’editorialista e la Boldrini finisce in un ritratto “hot”

next