Una nuova denuncia della Guardia di Finanza a carico dei vertici della Fondazione Meeting di Rimini per aver percepito indebiti finanziamenti nel 2011. Si tratta dello stesso reato, riscontrato per gli anni precedenti dalla Gdf per cui pende tuttora il processo davanti al giudice monocratico del tribunale di Rimini, l’ultima udienza prima della sospensione estiva si è tenuta a luglio.

La prima indagine della Gdf sul Meeting che aveva portato a un sequestro di 1 milione e 200 mila euro, si era fermata al novembre del 2010 e aveva quindi escluso il bilancio 2011. La verifica della Gdf sul bilancio 2011 ha rilevato che anche per l’anno in questione ci sarebbero fondi pubblici ottenuti indebitamente per una cifra che si aggira intorno ai 30-40 mila euro.

E’ quindi scattata una nuova denuncia in Procura con l’apertura di un nuovo procedimento a carico sempre del legale rappresentante della Fondazione Meeting, il direttore generale e direttore amministrativo. Dopo l’apertura del primo procedimento, la Fondazione Meeting ha provveduto alla restituzione totale delle somme contestate agli enti erogatori, Regione, Provincia, Camera di commercio e ministero dei Beni culturali per gli anni 2009, 2010 e anche 2011.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, incendiarono villa di militante di CasaPound: tre giovani arrestati

next
Articolo Successivo

Bologna, il bed & breakfast per gli amanti dei libri: “Una biblioteca da 4mila volumi”

next