93 European Motor Show

La Jaguar Land Rover aprirà il suo prossimo stabilimento a Nitra, in Slovacchia, restano delusi il Messico e la Polonia che se lo contendevano. La Slovacchia, un piccolo Stato dell’Unione europea con 5,4 milioni di abitanti, ha prodotto, nel 2012, 926.555 auto, ha la media di veicoli per cittadino più alta del mondo, 171 auto per 1000 abitanti. Per essere produttivi come gli slovacchi, gli Stati Uniti della General Motors, della Chrysler, della Ford, dovrebbero sfornare ogni anno 60 milioni di veicoli invece di 11,5.

Volkswagen, Kia, Psa: in Slovacchia ci sono tutti i grandi gruppi (la Fiat ha puntato sulla Polonia). All’indomani del crollo dell’Unione Sovietica, già nel 1991, la Volkswagen ha scelto la Slovacchia come snodo produttivo nell’Est Europa. Perché Bratislava sta diventando la nuova Detroit? I salari di sicuro non bastano a spiegare tutto: dai dati dell’agenzia slovacca degli investimenti, si va dagli 880 euro al mese di un meccanico ai 1.114 di un operaio specializzato sull’impianto elettrico ai 1.374 di un ingegnere ai 2.486 di un dirigente (dati 2013, ovviamente lordi). Salari bassi, certo, ma non a livelli cinesi e indiani.

Uno studio della Banca mondiale ricostruisce come la Slovacchia sia riuscita ad attirare tanti investimenti: già nel 1997 il governo ha istituito la figura del plenipotenziario per l’auto (uno “zar”, direbbero negli Usa). Poi hanno combinato incentivi fiscali agli investimenti con una drastica semplificazione tributaria, quando sono entrati in Europa nel 2004 hanno cancellato 21 tasse diverse sul reddito d’impresa, hanno introdotto una flat tax al 19 per cento e negoziato con Bruxelles per evitare di essere accusati di aiuti di Stato. Sono riusciti a mantenere gli incentivi e hanno garantito alle imprese una forza lavoro qualificata: l’87 per cento ha almeno un’istruzione secondaria.

La domanda è: perché in Slovacchia sì e a Termini Imerese no? Com’è possibile che siamo riusciti a farci scappare “l’industria delle industrie”? Era davvero così difficile usare molte di quelle ricette nel nostro Sud?

Il Fatto Quotidiano, 19 Agosto 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi, Dio lo salvi dai renziani già ricchi

prev
Articolo Successivo

Borse a picco, l’allucinazione dell’equilibrio economico

next