La chiamano la “Romagna Toscana”. È una terra di confine, solitaria in inverno e piena del mondo in estate. Da ventiquattro anni, a Santa Sofia, nel parco nazionale delle foreste Casentinesi, gli artisti di strada arrivano ogni agosto dai quattro angoli della Terra a dare il cambio alle stelle cadenti. Rompono la routine, invadono le piccole vie del borgo diventato romagnolo nel 1923 e si portano dietro il vociare nelle piazze, maschere di trucco che non si sciolgono neanche al caldo, illusioni o magie, fuoco e acqua, tende e tappeti di piccoli palcoscenici colorati. Sono noti come buskers e lasciano agli abitanti del borgo tracce di vita come scorta per i mesi freddi che arriveranno. Creano spettacoli legati all’insolito, usano oggetti comuni come attrezzi circensi; piatti che girano, bicchieri che volano. Sono acrobati ed equilibristi, musicisti, figuranti, cartomanti e giocolieri. Il buskers festival di Santa Sofia è, per l’Emilia-Romagna, anche il preludio al più noto festival dell’arte di strada a Ferrara, in arrivo dal 22 al 30 agosto. Il festival riempie Santa Sofia per tre giorni e poi la lascia nella notte di ferragosto, svanendo in un fuoco d’artificio, quarantacinque minuti prima di mezzanotte.

C’è Emilano, manipolatore di oggetti, che arriva dalla fine del mondo, poco più a sud di Buenos Aires, e ha l’impressione di essere libero solo quando gira la chiave. Con Eva, la sua compagna, crea un dialogo gestuale per costruire una storia di passaggio, un cambio di guida tra uomo e donna uniti per prendersi cura di uno spazio di ghiaccio. Ci sono Grace e Dave, moglie e marito da Australia e Inghilterra, che a volte ritornano e sono i beniamini del festival, vincitori di due edizioni consecutive, quando il pubblico sceglieva votando, e usano il fuoco per accendere suoni, danze e acrobazie. Ci sono Roi e Guillermo (La Bella Tour), che arrivano dalla più vicina Spagna e che più di trent’anni fa erano i clown principali in uno dei migliori circhi di tutti i tempi e oggi sono loro ad essere lo spettacolo. Ci sono anche Black & Blue, che non sono solo colori ma anche due stati d’animo e cinque acrobati kenyani (The Black Blues Brothers). Equilibristi tra l’Africa e i sogni d’America, inseguono i capricci di una scalcagnata radio d’epoca che trasmette brani rhythm & blues e mettono in scena salti mortali e piramidi umane. C’è anche Simone Al Ani, vincitore dell’ultima edizione di Italia’s Got Talent. E poi ci sono centinaia di altri artisti che aspettano l’imbrunire per entrare in un’altra vita e Santa Sofia li tratta come fossero tutti figli suoi. «Ancora una volta – scrive in rima il direttore artistico, Flavio Quadrini – risorge l’incanto, di queste contrade i buskers son vanto, i musici, il circo, piramidi umane, la festa finisce, magia ne permane, sopisce in meandri di un fiume da rime, risboccia d’agosto, il mese sublime».

Il grande palcoscenico all’aperto parte alle 16:30 del 15 agosto e prosegue alle 18 con gli aperitivi musicali. Da piazza Matteotti a viale Martiri della Libertà, da via Marconi a piazza Garibaldi e piazza Mortani, ad accendersi sono l’area del Buskers Park e la ‘Via dei mosaici’ con i mosaici tradizionali e contemporanei realizzati all’inizio del parco fluviale dagli allievi dell’accademia di Belle Arti di Ravenna, l’installazione ‘Il pianista indefinito’ nella ex sala Milleluci e l’installazione ‘Bamboo’ sul Bidente. Alle 23:15, i fuochi artificiali. Parcheggi gratuiti, ingresso a 10 euro e gratuito per i minori di 14 anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lizzano in Belvedere, gastroenterite di massa. Ausl: “Non c’è contaminazione acqua, solo pochi batteri”

next
Articolo Successivo

Ferragosto con maltempo, violento nubifragio a Bologna: allerta Protezione Civile

next