Un paese sull’Appennino emiliano a letto con la gastroenterite. Ma non è colpa dell’acqua. Secondo i primi risultati delle analisi sulla rete idrica di Lizzano in Belvedere (Bologna), i malori registrati nei giorni scorsi non dipenderebbero da una contaminazione dell’acquedotto. L’allarme era scattato nelle scorse ore dopo numerose segnalazioni dell’ospedale di Porretta e delle farmacia del luogo. Il sindaco Elena Torri aveva chiesto agli abitanti per precauzione di bollire l’acqua prima di utilizzarla.

Oggi l’Ausl di Bologna e il Comune però hanno tranquillizzato i cittadini di Lizzano: “I campioni raccolti il 12 agosto”, si legge in una nota congiunta, “prelevati dai settori della rete idrica che riforniscono la maggior parte della popolazione sono negativi. Una contaminazione con basse cariche batteriche è stata rilevata solo in alcuni punti dell’acquedotto, che approvvigionano aree della rete idrica periferiche o derivate laterali poco utilizzate dalla popolazione”.

Le successive indagini su campioni prelevati il 13 agosto hanno confermato “l’assenza di contaminazione batterica nei punti della rete idrica di maggior utilizzo e la regressione della contaminazione nella maggior parte dei punti nei quali si era manifestata. Risultato, questo, da collegare agli interventi posti in essere tempestivamente dal Comune di Lizzano”. Il Dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl bolognese continuerà dunque le indagini epidemiologiche per appurare le cause degli episodi di gastroenterite. Proseguiranno comunque anche le analisi sui campioni di acqua.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferragosto 2015, tutti gli eventi in Romagna: feste in spiaggia, fuochi d’artificio e concerti

prev
Articolo Successivo

Santa Sofia Buskers Festival, la terra di confine che da 24 anni accoglie gli artisti di strada di tutto il mondo

next