Le azioni di Poste Italiane, se tutto va come previsto, arriveranno in Borsa entro fine ottobre. Sul mercato andrà fino al 40% del capitale del gruppo pubblico, come previsto da un decreto varato dal governo lo scorso anno. Ci sarà un tetto del 5% al possesso azionario e quote “rilevanti” saranno riservate sia ai dipendenti sia al mercato retail dei piccoli risparmiatori. E’ la tabella di marcia prevista dall’amministratore delegato Francesco Caio, che martedì 11 agosto ha presentato a Borsa italiana la domanda di ammissione alla quotazione e chiesto a Consob l’autorizzazione alla pubblicazione del prospetto informativo.

Se non arriveranno richieste di integrazione del prospetto, l’iter presso la Consob avrà una durata di circa 6o giorni. Dalla settimana successiva al via libera inizierà il collocamento e partirà il roadshow nelle principali piazze finanziarie. Dopo due settimane il debutto in Borsa.

Il gruppo ha fatto sapere che è presto per un’indicazione della possibile forchetta di prezzo per il collocamento delle azioni: sarà determinante la reazione del mercato nelle settimane di avvicinamento all’offerta pubblica iniziale.

Il prospetto, spiega il Tesoro cha ha in portafoglio il 100% del capitale di Poste, “sarà integrato con elementi di dettaglio, anche per quanto riguarda gli incentivi per il pubblico indistinto e per i dipendenti del gruppo Poste”. E’ previsto, sempre entro il tetto massimo di una una quota fino al 40% del capitale, anche un collocamento privato rivolto a investitori istituzionali italiani e internazionali. Il ministero dell’Economia sottolinea anche che “grazie alla quotazione Poste Italiane potrà sfruttare al meglio tutte le opportunità di visibilità, sviluppo e rafforzamento, quale società integrata di servizi postali, logistici, assicurativi e bancari”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banche, prestiti ancora in calo a giugno. Su dello 0,1% quelli alle famiglie

prev
Articolo Successivo

Cina, due svalutazioni dello yuan in 24 ore. Borse in rosso: temono calo consumi

next