Un pezzo d’ala, cuscini di sedili e altri frammenti d’aereo. E’ quanto è stato ritrovato a La Réunion, isola francese nell’Oceano Indiano al largo del Madagascar. A riferirlo è il premier malese, Najib Razak fornendo dettagli nell’ambito delle indagini sulla scomparsa del Boeing 777 della Malaysia Airlines misteriosamente precipitato nel marzo 2014 con 239 persone a bordo mentre era in volo tra Kuala Lumpur e Pechino.

Ieri, nel primo giorno di analisi nei laboratorio di Tolosa, gli esperti di Francia e Malesia, hanno concluso che il pezzo d’ala ritrovato mercoledì scorso sulla spiaggia di Saint-André, a La Réunion, è riconducibile al Boeing 777 della Malaysia Airlines. Le indagini continuano oggi e andranno avanti nei prossimi giorni. Per i risultati completi, riferiscono gli esperti, ci vorranno settimane. Il premier australiano Tony Abbott, secondo quanto riporta la Bbc online, ha detto che la comunità internazionale adesso è più vicina alla soluzione del “mistero sconcertante”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Suez, il nuovo canale e la propaganda di Sisi: i dubbi su un impatto “gonfiato”

next
Articolo Successivo

Arabia Saudita, kamikaze si fa esplodere nella moschea della polizia: “15 morti”

next