Un pezzo d’ala, cuscini di sedili e altri frammenti d’aereo. E’ quanto è stato ritrovato a La Réunion, isola francese nell’Oceano Indiano al largo del Madagascar. A riferirlo è il premier malese, Najib Razak fornendo dettagli nell’ambito delle indagini sulla scomparsa del Boeing 777 della Malaysia Airlines misteriosamente precipitato nel marzo 2014 con 239 persone a bordo mentre era in volo tra Kuala Lumpur e Pechino.

Ieri, nel primo giorno di analisi nei laboratorio di Tolosa, gli esperti di Francia e Malesia, hanno concluso che il pezzo d’ala ritrovato mercoledì scorso sulla spiaggia di Saint-André, a La Réunion, è riconducibile al Boeing 777 della Malaysia Airlines. Le indagini continuano oggi e andranno avanti nei prossimi giorni. Per i risultati completi, riferiscono gli esperti, ci vorranno settimane. Il premier australiano Tony Abbott, secondo quanto riporta la Bbc online, ha detto che la comunità internazionale adesso è più vicina alla soluzione del “mistero sconcertante”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Suez, il nuovo canale e la propaganda di Sisi: i dubbi su un impatto “gonfiato”

next
Articolo Successivo

Arabia Saudita, kamikaze si fa esplodere nella moschea della polizia: “15 morti”

next