Una giungla di pedaggi e limiti di velocità in barba all’uniformità che l’Europa esige per i peperoni o le misure dei sedili. Anche se molti vacanzieri si spostano in aereo e poi noleggiano un veicolo, evitando di sobbarcarsi lunghissimi trasferimenti al volante, ci sono sempre molti stakanovisti dell’auto, del camper e della moto. Una vademecum comunitario per districarsi alla vigilia delle partenze può sempre essere utile per evitare sorprese.

Le indicazioni riguardano le norme di massima, che possono variare a seconda dell’orario (in Austria, ad esempio, di notte la velocità deve essere ridotta per abbassare la rumorosità) o di situazione contingenti come condizioni meteo, cantieri, manifestazioni e via elencando. Gli automobilisti devono mettere spesso mano al portafogli quando si tratta di autostrade, ma anche di ponti, trafori e passi dalle Alpi ai Pirenei (per esempio per andare ad Andorra), i cui pedaggi sono inclusi nelle cosiddette “vignette” solo in rarissimi casi. I passaggi più costosi sono quelli del Monte Bianco (44 euro) e del Grossglockner (34,5). Per quanto riguarda il tasso alcolemico, molti paesi hanno introdotto la “tolleranza zero”, mentre altri posto il limite allo 0,05% nel sangue, che significa 0,25 mg/l con l’etilometro, con restrizioni per i neopatenati (in genere fino a due anni dal conseguimento della licenza di guida) e chi lavora al volante.

I limiti di velocità paese per paese:

Austria
100 km/h fuori dai centri abitati
100 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu) e strade a grande comunicazione: a pagamento (vignetta da 10 giorni 2 mesi o 1 anno a partire da 8,7 euro)
Alcol 0,049% nel sangue (0,01% per neo patentati e professionisti)

Belgio
90 km/h fuori dai centri abitati
120 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
120 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): gratis
Alcol 0,05% nel sangue (0,22 mg per litro di aria con etilometro)

Croazia
90 km/h fuori dai centri abitati
110 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli verdi): a pagamento (pedaggio a percorrenza)
Alcol 0%

Danimarca
80 km/h fuori dai centri abitati
80 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli verdi): gratis
Alcol 0,05% nel sangue

Francia
90 km/h fuori dai centri abitati
110 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): a pagamento (pedaggio a percorrenza)
Alcol 0,05% nel sangue (0,02% per i professionisti)

Germania
100 km/h fuori dai centri abitati
130 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
senza limiti in autostrada (ma su almeno il 35% della rete la velocità massima è 120/130)
Autostrade (cartelli blu): gratis
Alcool 0,05% nel sangue (0 per minori di 21 anni, neo patentati e professionisti)

Irlanda
80 km/h fuori dai centri abitati
100 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
120 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): a pagamento (pedaggio a percorrenza)
Alcol 0,05% nel sangue (0,02% per neopatentati, motociclisti e professionisti)

Lussemburgo
90 km/h fuori dai centri abitati
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): gratis
Alcol 0,05% nel sangue

Norvegia
80 km/h fuori dai centri abitati
100 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
100 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): a pagamento (pedaggio a percorrenza)
Alcol 0,02% nel sangue

Polonia
90 km/h fuori dai centri abitati
100 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
140 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): a pagamento (pedaggio a percorrenza)
Alcol 0,02%

Paesi Bassi
80 km/h fuori dai centri abitati
100 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): gratis
Alcol 0,05% nel sangue (0,02% per neopatentati e motociclista sotto i 24 anni)

Portogallo
100 km/h fuori dai centri abitati
100 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
120 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): a pagamento (pedaggio a percorrenza)
Alcol 0,05% (0,02% per neopatentati professionisti)

Regno Unito
96 km/h fuori dai centri abitati
96 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
112 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): a pagamento (pedaggio a percorrenza)
Alcol 0,08% nel sangue (0,05% in Scozia)

Repubblica Ceca
90 km/h fuori dai centri abitati
130 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): a pagamento (vignetta da 10 giorni, 1 mese o 1 anno a partire da 12 euro)
Alcol 0%

Slovacchia
90 km/h fuori dai centri abitati
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): a pagamento (vignetta da 10 giorni, 1 mese o 1 anno a partire da 10 euro)
Alcol 0%

Slovenia
90 km/h fuori dai centri abitati
110 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli verdi) e strade a grande comunicazione: a pagamento (vignetta da 7 giorni, 1 mese o 1 anno a partire da 15 euro)
Alcol 0,05% (0% per neopatentati e professionisti)

Spagna
90 km/h fuori dai centri abitati
100 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
120 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): Autostrade: a pagamento (pedaggio a percorrenza)
Alcol 0,05% nel sangue (0,03% per professionisti e neopatentati

Svizzera
80 km/h fuori dai centri abitati
100 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
120 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli verdi) e strade a grande comunicazione: a pagamento (vignetta annuale da 40 euro)
Alcol 0,05% nel sangue

Ungheria
90 km/h fuori dai centri abitati
110 km/h strada a doppia corsia per carreggiata
130 km/h in autostrada
Autostrade (cartelli blu): a pagamento (vignetta da 10 giorni, 1 mese o 1 anno a partire da 9,5 euro)
Alcol 0%

Il pedaggio autostradale a tratta è in vigore anche in Bosnia Erzegovina, Grecia, Macedonia, Serbia, Turchia e Bielorussia. La vignetta è il sistema adottato anche dalla Romania.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Seggiolini auto per bambini, quali scegliere e come montarli

next
Articolo Successivo

Auto usate, la grande truffa delle “schilometrate”: 5 regole per evitare fregature

next