Si è fidata di un amico che con una scusa l’ha attirata in un appartamento mentre stava andando alla cena di classe. Qui ad attenderla c’erano tre ragazzi, che prima l’hanno picchiata e poi violentata. La vittima è una sedicenne, protagonisti della violenza tre ragazzi di 23, 19 e 17 anni. La violenza è avvenuta a giugno in provincia di Parma, ora i carabinieri hanno identificato gli autori. I maggiorenni sono in carcere a Bologna, il 17enne affidato a una comunità per minori.

Gli inquirenti stanno valutando la posizione dell’amico che ha attirato nella trappola la ragazza: il giovanissimo non avrebbe partecipato alla violenza e sarebbe stato minacciato dagli altri tre se non avesse collaborato. Secondo l’accusa, la ragazzina stava andando alla cena di classe, quando è stata avvicinata dall’amico che le ha rubato per gioco la borsetta. Per averla indietro la sedicenne è entrata in un appartamento e qui ha trovato i tre ragazzi che, gettata su un letto, l’hanno violentata a turno. La ragazza, una volta fuggita, ha raccontato quanto successo a un’amica, che subito ha avvisato i genitori della sedicenne e i carabinieri. Avviate le indagini, i militari sono risaliti all’identità dei tre. Il 23enne ed il 19enne, di origini straniere, sono finiti in carcere. Viste le modalità con cui i tre hanno agito, gli inquirenti non escludono che siano stati protagonisti anche di altre violenze ai danni di ragazze della provincia di Parma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, bimbo di 11 anni sta male in volo e muore in aeroporto

next
Articolo Successivo

Sassuolo, il Comune lancia raccolta fondi per la famiglia delle sorelle morte nel fiume Secchia

next