Indagini e appostamenti hanno consentito alla Polizia postale di Roma di sgominare la “banda della forchetta”, un’associazione criminale che, grazie all’utilizzo di un curioso manufatto, riusciva a impossessarsi dei soldi prelevati dagli ignari correntisti. Come? Posizionando la “forchetta” nel vano da dove escono le banconote, riuscivano a bloccarne l’erogazione. Così chi ritirava se ne andava dallo sportello con il prelievo addebitato sul conto, ma senza il becco di un quatrino. Soldi che venivano ritirati subito dopo da uno dei complici

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Livia Danese, morta la moglie di Giulio Andreotti: gli fu a fianco per 68 anni

next
Articolo Successivo

Emergenza profughi, a Calais i migranti “assaltano” in massa il tunnel della Manica

next