Azzerare il consiglio d’amministrazione di Atac e cercare nuovi soci privati. Negli stessi giorni in cui il trasporto pubblico romano è andato in tilt, il sindaco capitolino Ignazio Marino va al contrattacco. “Intendo scusarmi con i cittadini e i turisti per i disagi inaccettabili nel nostro trasporto locale”, è stato l’esordio del primo cittadino alla conferenza stampa convocata in Campidoglio dopo il caos degli ultimi tempi, soprattutto sulla metropolitana e sulla ferrovia Roma-Lido.

Ed è per questo che Marino ha deciso di voltare pagina. “Ho deciso – è stato l’annuncio del sindaco –  di cambiare il cda di Atac e di allontanare tutti i dirigenti responsabili delle inefficienze: ho già dato mandato al direttore generale Micheli di rinnovare profondamente il management aziendale”. “È necessario immediatamente cambiare rotta – ha proseguito il sindaco – fare l’ammissione che è insufficiente il lavoro fatto. Per questo chiedo a Improta di formalizzare le dimissioni già annunciate dall’assessore”.

Poi l’annuncio dell’apertura a nuovi soci.”Ho deciso, insieme al presidente Zingaretti, che da oggi Comune, Regione e Atac si impegnano a cercare un partner industriale, mantenendo la maggioranza dell’azienda pubblica: ho dato mandato all’azienda di studiare un piano industriale forte”. Il sindaco ha anche spiegato di avere pronta una ricapitalizzazione dell’azienda che gestisce il trasporto pubblico romano. “Davanti a una situazione così drammatica ho scelto, con il presidente della Regione Zingaretti, di affrontare i problemi finanziari dell’Atac con una nuova ricapitalizzazione che sfiora i 200 milioni di euro in beni e denaro liquido di cui si è fatto carico il comune di Roma con l’approvazione dell’assestamento del bilancio”.
Poi il sindaco ha lanciato un appello ai lavoratori Atac.

“Rivolgo un appello a tutti: ai dipendenti di Atac, ai sindacati con i quali ho già fissato un incontro per i prossimi giorni, perché ci sia piena collaborazione abbandonando vecchi schemi e preoccupazioni del passato”. Già pochi giorni fa il primo cittadino capitolino aveva attaccato i macchinisti della metro romana. Oggi, ed è accaduto anche nelle giornate passate, c’è stato un servizio molto scadente sulle nostre metropolitane che ha danneggiato la vita delle romane, dei romani e dei tanti turisti che vengono nella nostra bella città ogni giorno”, aveva detto Marino in un video diffuso su facebook.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intercettazioni, dopo il caso Renzi-Adinolfi e le polemiche su Crocetta il governo lavora alla stretta

next
Articolo Successivo

Della Valle: “Renzi bulimico di potere, Mattarella lo mandi a casa”

next