Alessandro Profumo lascerà il Monte dei Paschi di Siena il prossimo 6 agosto. L’ufficializzazione delle dimissioni del banchiere è arrivata venerdì pomeriggio a valle della riunione del cda della banca toscana alla cui presidenza è ora atteso l’attuale presidente di Borsa Italiana, Massimo Tononi. Trentino, 51 anni ancora da compiere, il manager è figlio del politico Giorgio Tononi e fratello dello psichiatra e neuroscienziato Giulio e vanta solidi legami con l’ex premier Romano Prodi. Dopo esserne stato assistente nella seconda esperienza alla guida dell’Iri, nel 2006 lascia l’incarico di partner managing director in Goldman Sachs, per diventare sottosegretario all’Economia del secondo governo Prodi. Dopo la caduta del governo torna nella banca d’affari americana da dove nel 2010 è sbarcato nel board del London Stock Exchange, la borsa di Londra proprietaria di Piazza Affari.

Su di lui puntano la Fondazione Mps, Fintech Advisory Inc e BTG Pactual per la sostituzione di Profumo.  “Apprendiamo dal comunicato stampa pubblicato in data odierna da Banca Mps – si legge in una nota congiunta – della decisione assunta dal dottor Alessandro Profumo di lasciare la carica di Presidente di Banca Monte dei Paschi di Siena. Al riguardo, si comunica che la Fondazione Mps, Fintech Advisory Inc e BTG Pactual hanno identificato il dottor Massimo Tononi, attuale Presidente di Borsa italiana e di Prysmian, come candidato alla carica di consigliere di amministrazione e Presidente di Banca Mps, in sostituzione del dottor Profumo. Considerato l’alto profilo di tale candidatura, si auspica che su tale nominativo possa convergere un ampio consenso dei soci di Banca Mps”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rete Telecom, Antitrust apre nuova istruttoria dopo multa da 100 milioni del 2013

next
Articolo Successivo

Pil, Abi: “Nel 2016-17 crescerà dell’1,6% l’anno. Ma per banche redditività bassa”

next