Un anno e undici mesi di carcere con la condizionale: è la pena a cui i giudici del tribunale penale di Genova hanno condannato Flavio Briatore. L’imprenditore era accusato, insieme ad altre quattro persone, di reati fiscali legati al noleggio dello yacht Force Blue. I pm Patrizia Petruzziello e Walter Cotugno avevano chiesto per Briatore una condanna pari a 4 anni di carcere.

Nella richiesta di rinvio a giudizio
 i magistrati sostenevano che Briatore, oltre a essere armatore e proprietario dello yacht, fosse anche amministratore di fatto e proprietario della società Autumn Sailing Limited, la società proprietaria dell’imbarcazione.

I giudici hanno condannato a 1 anno e undici mesi anche il comandante dello yacht, Ferdinando Tarquini. Condannati anche i due amministratori della Autumn Sailing Limited che si sono avvicendati nel tempo: Dominique Warluzel a un anno e undici mesi e Maria Pia De Fusco al pagamento di una multa di 7 milioni di euro. Assolta invece Laurence Eckle Teyssedou.

Il megayacht era stato sequestrato mentre a bordo c’erano Elisabetta Gregoraci, moglie di Briatore, il figlio e oltre 20 membri del’equipaggio: recentemente i giudici hanno autorizzato ad usare l’imbarcazione com charter nonostante sia ancora sotto sequestro. I pm avevano invece chiesto la confisca.

Secondo l’accusa è stata simulata un’attività commerciale di noleggio per utilizzare l’imbarcazione per uso diportistico in acque territoriali italiane dal luglio 2006 al maggio 2010 senza versare la dovuta Iva all’importazione per 3,6 milioni di euro: il mega yacht infatti era iscritto in un paese extracomunitario e di proprietà della Autumn Sailing Limited con sede nelle Isole Vergini Britanniche. Briatore è anche accusato di aver utilizzato carburante come esente dalle imposte mentre doveva essere tassato.

“Lo yacht ha solo fatto attività di noleggio. Non sono un evasore : pensavo di essere in regola. Se la Guardia di Finanza mi avesse detto che dovevo pagare lo avrei fatto senza problemi”,  si era difeso Briatore davanti al gup Nadia Magrini,  durante l’udienza preliminare. “E’ un risultato che non ci aspettavamo. La nave continua a produrre incassi:proporremo appello e ci batteremo fino alla fine”è stato il commento a caldo di Massimo Pellicciotta, legale di Briatore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, “giudice e camorrista in affari insieme”. Chiuse indagini su titoli clonati

prev
Articolo Successivo

Maria Concetta Riina e Adriano Sofri, casi di assurdità italiane

next