La Marina militare di Israele, nella notte di domenica 28 giugno, ha fermato la nave della Freedom Flotilla III (nella foto, la Flotilla II) con a bordo attivisti filo palestinesi, diretta nella Striscia di Gaza.

La svedese Gothenburg Marianne, che faceva parte della flottiglia composta da quattro imbarcazioni, è stata “scortata” fino al porto israeliano di Ashdod, impedendole di forzare il blocco imposto da Gerusalemme. Secondo quanto riportato dalla Reuters, che ha citato fonti dell’Israel Defense Forces, un commando di soldati israeliani sono saliti a bordo della nave e hanno effettuato una perquisizione, senza provocare incidenti. Episodi simili erano già accaduti in passato, il più grave di tutti sicuramente quello accaduto nel 2010 quando, con un blitz a bordo della Flotilla diretta a Gaza, unità speciali della marina di Gerusalemme causarono la morte di otto cittadini turchi e un turcoamericano.

Sulla nave svedese, che trasportava un carico di pannelli solari per alleviare i gravi problemi di elettricità a Gaza e anche forniture mediche, erano presenti circa cinquanta attivisti provenienti da diciassette Paesi, tra i quali c’era anche un deputato arabo israeliano Bassel Ghattas e l’ex presidente tunisino Moncef Marzouki. Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, si è congratulato con i soldati per l’operazione avvenuta a 120 chilometri dalla costa, affermando che la nave della Flotilla III era coinvolta in una “dimostrazione di ipocrisia” e di sostegno a Hamas, aggiungendo che le azioni di Israele “sono avvenute in accordo con il diritto internazionale, cosa che è stata confermata da una commissione del Segretario generale dell’Onu“.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tunisia, attacco Sousse: “Non escluso che l’attentatore avesse lavorato nel resort”

next
Articolo Successivo

Tunisia, Ventimiglia, Charleston: la tragedia peggiore è l’Europa

next