Cuperlo vs Kuperlo. Spopola su Twitter l’account fake (@GianniCuperloPD) del deputato del Partito democratico, creato da Davide Astolfi, un giovane ricercatore umbro. “In poco tempo ho raggiunto i 25mila follower”, spiega Astolfi. “Molti più dei voti che ho preso io alle primarie”, scherza il vero Cuperlo. Ma qual è la sua opinione sul finto profilo? “Fa parte del gioco, le sue battute mi fanno ridere”, spiega il deputato. “Scherzando si può dire la verità”, afferma Astolfi. A volte, però, lo scherzo va oltre: “Una volta ho dovuto smentire una sua battutaccia che era stata ripresa dalle agenzie”, rincara il vero Cuperlo. Intanto sui social network gli account finti che prendono in giro politici e personaggi pubblici hanno un successo sempre maggiore: si va da quello del presidente del consiglio Renzo Mattei, a Cippo Pivati e al suo Im-possibile (account ironici su Pippo Civati e il suo Possibile), fino ai ‘Silenzi di Re Sergio‘ riferito al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al profilo fake ‘D’Alema er Massimo‘. Ma qual è la massima preferita e più cinguettata da Kuperlo (rigorosamente con la ‘k’)? “La linea che si realizza: far cadere il governo Renzi, andare a elezioni e perdere, perché perdere è di sinistra”, conclude Astolfi  di Chiara Carbone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diffamazione, Malavenda: “Via il carcere, ma fare i cronisti sarà più difficile”

next
Articolo Successivo

Agenzie di stampa, fondi pubblici ridotti e la riforma Lotti parte “a singhiozzo”

next